Chi fa sbaglia,
chi non fa
non sbaglia mai.

Chi fa sbaglia, chi non fa
non sbaglia mai.

Sono un blogger, anche un po’ giornalista, ma più blogger.
Polemico, molto polemico, troppo polemico.

Mancato scrittore, mancato tennista, mancato pallanotista. Ma direi che sto bene così. Anzi ci sto anche piuttosto largo…

In passato ero bravo in matematica, ma avendo da poco superato i dieci anni nessun commercialista mi ha offerto un contratto serio.
Abbandonati i numeri mi sono buttato sul ping pong (lo so, si chiama tennis tavolo) nel corso delle medie. Al liceo artistico ho deciso che sarei diventato un pittore cubista, ma dieci minuti dopo ho capito che prima di un pittore cubista uno deve diventare un pittore e basta. Ho tradito le tempera a olio per un tecnigrafo. Ho tirato tante righe da diventare un architetto d’interni. Poi sono arrivati il pallone e i campetti di periferia. I primi pezzi su un giornalino di provincia. Poi la C2, la B e finalmente la A.

Ho capito che il calcio poteva essere un divertimento e un lavoro. È diventato un lavoro divertente. È stato il tempo di Datasport, di Mediavideo e Televideo Rai. Poi ho sentito la parola “blog” e devo avere fatto una faccia molto buffa. La stessa che mi capita di vedere quando la parola “blog” la pronuncio io. Ma le cose cambiano. Le cose cambiano…

Biografia

Content Creator e Influencer, collabora con i più importanti Brand del panorama automotive e non solo. Founder di Stylology.it. Da maggio 2015 a maggio 2016 Web Strategist per Triboo. Da ottobre 2012 ad aprile 2015 Direttore responsabile di Leonardo.it. In passato (dal 2006 al 2012) responsabile editoriale di Blogosfere.it, il più grande network di blog professionali in Italia. Giornalista e designer in una vita passata. Cars Lovers, Social addicted.

Specialities

Content Creator e Influencer, collabora con i più importanti Brand del panorama automotive e non solo. Founder di Stylology.it, nel suo passato Televideo Rai e Mediavideo, i veri antenati di internet. E’ stato responsabile editoriale di Blogosfere.it, partecipando al successo del network di blog più grande d’Italia. In seguito è stato direttore responsabile di Leonardo.it. Si occupa di produzioni foto e video con particolare attenzione ai format più adatti ai social network.

Experiences
L’utilizzo di internet da parte delle persone sta evolvendo. Analizzando le tante ricerche pubblicate nel corso degli ultimi anni è stato possibile percepire la crescita rapida ed esponenziale del mobile. Basti pensare che il tempo trascorso dagli utenti sugli smartphone corrisponde alla metà del tempo che le persone trascorrono su Internet. Tra le piattaforme preferite ci sono Google, YouTube, Facebook ed Instagram.
Il grande protagonista in questo momento storico è sicuramente il video, in tutte le sue forme. Per questo motivo il mio lavoro e quello del mio team è concentrato sulla realizzazione di video con formati costantemente innovativi, capaci di catturare l’attenzione su internet e in particolare sui social network. Testate nuovi format, anticipare le mode e creare tendenze ci permette di posizionarci in modo originale sul mercato rispetto ai nostri competitor.
Da non sottovalutare anche il valore delle foto sui social: uno scatto significativo può generare un forte ritorno di visibilità e migliorare la brand awareness. Il segreto è saper dosare nel modo corretto semplicità e creatività.
  • Internet cambia costantemente, senza una regola matematica. Il segreto è saper interpretare i numeri
  • Prima il contenuto, poi il messaggio pubblicitario
  • Un’informazione utile trasforma un visitatore in un follower
  • Dietro all’immagine ci deve sempre essere qualcosa che vale la pena raccontare
  • L’apparenza fine a se stessa non ha mai generato nulla di buono
  • 1/5

    Internet cambia costantemente, senza una regola matematica. Il segreto è saper interpretare i numeri

  • 2/5

    Prima il contenuto, poi il messaggio pubblicitario

  • 3/5

    Un’informazione utile trasforma un visitatore in un follower

  • 4/5

    Dietro all’immagine ci deve sempre essere qualcosa che vale la pena raccontare

  • 5/5

    L’apparenza fine a se stessa non ha mai generato nulla di buono

  • Internet cambia costantemente, senza una regola matematica.
    Il segreto è saper interpretare i numeri.
  • Prima il contenuto, poi il messaggio pubblicitario.
  • Un’informazione utile trasforma un visitatore in un follower.
  • Dietro all’immagine ci deve sempre essere qualcosa che vale la pena raccontare.
  • L’apparenza fine a se stessa non ha mai generato nulla di buono.

    Scrivimi


    silvioderossi@gmail.com

    P.IVA: 09070760963
    Privacy PolicyCookie Policy